Somatic _Experience_

Somatic Experience

GUARIRE IL TRAUMA

Estratto dall’articolo di PETER A. LEVINE

Cos’è  il TRAUMA?

Il trauma è forse la causa di sofferenza umana maggiormente elusa, ignorata,sottovalutata, negata, incompresa e non curata. Pur essendo fonte di sofferenza e alterazioni gravi, non è un disturbo o una malattia, ma è l’effetto collaterale di uno stato di coscienza alterato indotto istintivamente. Entriamo in questo stato alterato – chiamiamolo “modalità di sopravvivenza” – quando percepiamo che la nostra vita è in pericolo. Se ci sentiamo sopraffatti dal senso di pericolo incombente e incapaci di difenderci efficacemente, possiamo restare intrappolati nella modalità di sopravvivenza.
Forse quel che è più importante capire sul trauma è che le persone, soprattutto i bambini, possono restare sconvolti da ciò che di solito consideriamo eventi comuni, normali. Fino a poco tempo fa la nostra comprensione del trauma si limitava all’esperienza di soldati “con psicosi traumatica da bombardamento” e di vittime di catastrofi e di lesioni gravi. Tuttavia, questa visione ristretta non comprende tutta la realtà.

art_1

Col tempo, una serie di cosiddetti infortuni di lieve entità possono avere su una persona lo stesso effetto dannoso di eventi traumatici di vasta portata quali una guerra o uno stupro. In questo senso, la maggior parte di noi ha subito un trauma, sia direttamente che indirettamente.

Il Trauma e l’individuo

Non ci sono due persone che provino o manifestino il trauma esattamente allo stesso modo. Quel che risulta nocivo per una persona può essere stimolante per un’altra. Se si percepisce una situazione come pericolosa per la propria vita, allora quella situazione è potenzialmente traumatica. Tuttavia, le reazione di chi, come succede nella maggioranza dei casi, è rimasto sconvolto da una serie di eventi più comuni non sono così facili da rilevare.

Stress e trauma

Ultimamente, è invalso l’uso della parola “trauma” come sostitutiva di “stress”, come in “ho avuto una giornata traumatica al lavoro.” Ciò è fuorviante e banale. Sicuramente, tutti gli eventi traumatici sono stressanti; ma non tutti gli eventi stressanti sono traumatici.  Il trauma è una sostanziale frattura. Ha a che fare con la perdita di contatto con noi stessi, la nostra famiglia e il mondo intorno a noi. Questa perdita è spesso difficile da riconoscere, poiché ha un andamento lento, di lungo periodo. Ci adattiamo a questi impercettibili cambiamenti; senza notarli neppure.

I sintomi del Trauma

Il trauma non è una malattia; è uno stato di malessere. Il disagio è la spia di qualcosa dentro di noi che richiede la nostra attenzione. Se i segnali rimangono inattesi si trasformeranno in seguito nei sintomi del trauma. L’esperienza di ciascun individuo è unica, per cui sarebbe un compito enorme compilare un elenco completo di tutti i sintomi traumatici noti. In ogni caso, certi sintomi si considerano universali perché sono comuni alla maggior parte delle persone traumatizzate. In generale, certi sintomi tendono a comparire prima degli altri.

Guarigione e Trasformazione

art_2

Si guarisce/elabora il trauma attraverso il processo di scarico dell’energia di sopravvivenza in eccesso. Ciò si ottiene:

(a) scindendo la paura dalla reazione di immobilità;

(b) uscendo dallo stato di immobilità; e

(c) completando il ciclo di attivazione.

L’elaborazione del trauma si può paragonare al processo della nascita al momento del parto. Il trauma, come il travaglio del parto, può agire da istintiva/naturale spinta finale – la scrollata e il tremito interni oppure il “calcio nel sedere” che ci risveglia a nuova vita e ci porta a casa.

Quando si riesce ad elaborare completamente il trauma, avviene un sostanziale cambiamento nel proprio essere dal momento che il sistema nervoso riacquista la sua capacità di autoregolazione.

Rinegoziazione

Non è necessario rivivere un trauma per poterlo elaborare. Con Somatic Experiencing, “rinegoziamo” i nostri vecchi traumi. La rinegoziazione si avvale di elementi del trauma originario combinati con forze e risorse che non erano disponibili al momento dell’evento. L’intreccio di questi pezzi mancanti con le azioni difensive incomplete del trauma crea un’esperienza nuova e completa. Il completamento elabora il trauma, rafforzandoci e sviluppando una maggiore resistenza a traumi futuri.