logo Creation made simple
Beautifully designed
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut convallis tempor orci vitae vehicula. Aliquam in ullamcorper lacus.
Follow & share
Search:
Olos-Time | NARM
20183
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-20183,theme-hudsonwp,edgt-core-1.2,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson child-child-ver-1.0.1,hudson-ver-3.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,woocommerce_installed,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
 

NARM

Una vita, mille strade, mille percorsi

N.A.R.M.™ (NeuroAffective Relationship Model) – Modello di relazione neuroaffettiva

E’ un lavoro, orientato alle risorse e alla relazione nel qui ed ora

Lo sviluppo della personalità avviene sotto l’influenza dell’ambiente a vari livelli. Non sempre però gli stimoli esterni,  le esperienze e le relazioni lasciano tracce emotive ed affettive costruttive in noi. Non sempre la nostra prima infanzia è stato un “buon” periodo di vita

Nell’approccio NARM, noi lavoriamo simultaneamente con la fisiologia e con la psicologia degli individui che hanno avuto esperienza di un trauma nello sviluppo, e ci focalizziamo sull’interazione fra questioni di identità e la capacità di connessione e regolazione.

 

ll Modello NARM™, è orientato alle risorse e non è regressivo, pone l’accento sull’aiutare i clienti a stabilire una connessione con le parti del loro Sé che sono organizzate, coerenti e funzionali. Aiuta a rendere consapevoli delle parti di sé che sono disorganizzate e disfunzionali e a organizzarle, senza fare degli elementi regressivi e disfunzionali il tema principale della terapia.

 

Il modello NARM:

  • Integra insieme un orientamento basato sul sistema nervoso e uno relazionale.
  • Fornisce interventi che usano la consapevolezza somatica e un orientamento alle risorse per ancorare l’autoregolazione al sistema nervoso.
  • Lavora sul legame tra le questioni psicologiche e il corpo aiutando ad accedere alle capacità di autoregolazione del sistema nervoso.
  • Fa un’indagine consapevole in quelle nostre più profonde identificazioni e contro-identificazioni che noi assumiamo come la nostra identità.

 

1) Sviluppo dell’autoregolazione

Il trauma da shock e il trauma dello sviluppo compromettono le capacità di regolare le emozioni e alterano funzioni autonome come il respiro, il battito cardiaco, la pressione sanguigna, la digestione e il sonno. Sin dall’inizio della vita, attraverso la connessione con la madre (o con un altro caregiver) il bambino impara quale sia il comportamento migliore da tenere, impara a regolare le proprie emozioni in funzione dell’ambiente, impara a fare richieste e ricevere risposte ai suoi bisogni. La connessione con la madre opera, in definitiva, come regolatore del sistema nervoso del neonato. L’autoregolazione è la prima capacità che il bambino apprende attraverso la relazione, questa connessione è quindi fondamentale per il suo sviluppo. La stabilità di questa connessione precoce è particolarmente importante per il modo in cui il bambino si relazionerà in futuro col proprio corpo, con se stesso e con gli altri. Se la capacità di una sana autoregolazione viene meno o manca del tutto, questo inciderà negativamente sull’equilibrio e sulla vita della persona, che rimarrà destabilizzata.

 

2) Sviluppo della regolazione affettiva

La regolazione affettiva riguarda il modo di gestire e vivere le emozioni. I sintomi della disregolazione affettiva si sviluppano quando si diventa incapaci di sentire le emozioni o quando queste sono così intense o difficili da esserne sopraffatti.

Si ritiene che la disregolazione affettiva sia alla base della vulnerabilità allo stress e al trauma ed è considerata un elemento alla base dei problemi fisiologici e fisici di una persona.

 

3) Sostenere una crescente capacità di vitalità

La vitalità non è principalmente uno stato mentale, e neppure solo un piacere sensoriale; può essere considerata un flusso energetico e di coerenza presente in tutti i sistemi del corpo, del cervello e della mente.  NARM si propone di intervenire sui blocchi che impediscono il percorso di riconnessione con la vitalità dando sostegno e contenimento al completamento biologico degli stati affettivi.

 

4) Consapevolezza somatica e dei propri stili di sopravvivenza adattivi

Consapevolezza, in termini generali, significa prestare attenzione alla propria esperienza: ascoltare se stessi, i propri pensieri, le proprie emozioni e sensazioni corporee. Il trauma, a causa dell’iperattivazione del sistema nervoso e della conseguente disregolazione, impedisce di essere presenti nel proprio corpo. In presenza di alta attivazione e disregolazione è doloroso stare nel proprio corpo. Lo scopo della consapevolezza somatica è sostenere progressivamente una nuova regolazione del sistema nervoso.  Integrando la consapevolezza somatica e la presa di coscienza degli stili di sopravvivenza adottati, si può intervenire sulla storia di una persona da una prospettiva più profonda rispetto al semplice racconto.

 

I 5 bisogni e le capacità fondamentali

Il modello NARM™ riconosce cinque esigenze fondamentali a base biologica che sono essenziali per il benessere fisico ed emotivo di ogni individuo:

  • connessione
  • sintonizzazione
  • fiducia
  • autonomia
  • amore-sessualità

Quando uno di questi bisogni fondamentali non viene soddisfatto, possono essere compromessi l’autoregolazione, il senso di sé e l’autostima. Se i bambini non imparano a riconoscere questi bisogni, non li sanno esprimere e spesso sentono di non meritare che vengano soddisfatti.  Quando invece tali bisogni vengono soddisfatti nelle fasi precoci della vita, il bambino sviluppa le capacità essenziali che da adulto gli permetteranno di riconoscere e soddisfare tali bisogni.

 

Hai riconosciuto alcuni aspetti della tua vita?

Con NARM puoi migliorare l’autoregolazione, l’affettività, le relazioni. Se ti interessa davvero migliorare la tua vita, contattami.

Io ci sono,
Patrizia

CONTATTAMI